L'università popolare più vecchia

L'urania é stata fondata nel 1923 dal Dott. Ernst Kunzfeld, un insegnante di scuola media, prendendo da modello l'Urania di Vienna. Il bisogno di un'organizzazione di questo tipo era sentito ormai da tempo. I primi accenni sono da ricondursi addirittura intorno al 1890 quando, nel vecchio Kursaal, venne organizzata una serie di conferenze di docenti illustri (ad es. Peter Rosegger, Sven Hedin ecc.) per rendere più piacevole ed interessante il soggiorno degli ospiti nella città di cura emergente.

Bruno Pokorny il pioniere sudtirolese dell'educazione permanente

A partire dal 1925 Prof. Bruno Pokorny lavorò per  l'urnia meran, successivamente ne divenne il presidente. Egli diede numerosi impulsi all'educazione permanente in Sudtirolo. Durante gli anni della guerra l'attività associativa decadde. Nel 1947 il Prof. Pokorny tentò di ridare vita all'urania, che ora si chiamava “Università popolare Urania di Merano”. Fino agli anni 60 l'attività principale furono le conferenze, e tra i vari docenti ve ne furono alcuni di spicco come ad es. Hans Haas, Heinrich Harrer, Herbert Tichy, Theodor Oberländer.
Accanto alle conferenze l'urania meran si occupò, a partire da allora, anche di altri settori dell'educazione rivolta agli adulti, quali gruppi di lavoro, corsi di musica e di lingue, viaggi dell'urania, libreria dell'urania, presentazione di film, settimane culturali nei paesi.

Sotto la guida del Prof. Prokorny, su esempio dell'urania meran nacquero in molti paesi della Provincia organizzazioni che si occupavano di educazione popolare e che vennero poi unite nell'Associazione delle Università Popolari del Sudtirolo. Bruno Prokorny ne fu il  fondatore e il primo direttore.

Nel 1971 l'urania meran potè trasferirsi in un edificio proprio in Via Ortwein 6: l'ex chiesa anglicana. Era stata costruita 100 anni prima per gli ospiti della città di cura provenienti dall'Inghilterra.

Il cambiamento di immagine

A partire dal 1980 l'attività propria dell'urania meran esplose e mutò la sua immagine. Dall'istituzione culturale che si occupava prevalentemente di rendere accessibile a tutta la popolazione le scienze umanistiche e l'arte, l'urania si sviluppò in un centro di educazione permanente e culturale pluralistico.  Accanto al settore culturale tradizionale nacquero manifestazioni che prevalentemente orbitavano intorno a problemi di tipo sociale: movimenti alternativi ed ecologistici, questioni riguardanti le minoranze, movimenti femminili, formazione della personalità ed esperienze introspettive. In linea con tutto ciò furono introdotte nuove metodologie, una nuova metodologia didattica e nuove tecnologie.

Nel 2000 la molteplicità del programma dell'urania meran venne riorganizzata nelle 5 sezioni principali con un nuovo logo: cultura, lingue, formazione professionale, salute e tempo libero.


Letteratura sulla storia dell'urania meran

Pubblicazioni